archivio | tragedia RSS per la sezione

HORRIBILIS

DIANA

Immagine

Qualche tempo fa sono incappato accidentalmente in questa pellicola.

Vorrei prendere spunto non tanto dal titolo, inequivocabile nella sua semplicità, quanto dal fuorviante sottotitolo affibbiatogli nella trasposizione italiana, forse per rendere il tutto più appetibile, “La storia segreta di lady D”, non mi dilungherò oltre sul fatto che spesso in italiano titoli siano poco fedeli all’originale; con un sottotitolo simile, mi sarei aspettato, o meglio, intimamente speravo, potesse essere una sorta di spy story, una retrospettiva su di un plausibile complotto ai danni della chiacchierata e “britannicamente” amatissima Lady Diana, invece drammaticamente mi sono ritrovato a languire per 113 minuti.

 

Sforzandomi in un’eventuale interpretazione

Forse l’intento del regista era proprio la volontà di far vedere che sotto le spoglie di una donna forte si celavano i dubbi e la tristezza di una donna che non poteva vivere la propria vita liberamente, ma secondo l’etichetta dettata dalla corona, però non essendo io britannico e per quanto mi sforzi di cercare un’interpretazione degna di significato, non riesco a togliermi dalla testa che gli unici lasciti di tale film siano stati l’evidente predilezione della principessa per gli uomini mediorientali, e che 113 minuti siano eccessivi per descrivere una gran quantità di banalità.

In conclusione, su quello schermo ho visto scorrere centinaia di metri di pellicola, che avrebbero avuto un miglior uso nella produzione di titoli di maggior spessore, tipo “Machete kills again in the space”.